Martina Dirce Carcano (Milano, 1992)

è scenografa e illustratrice. Nella vita di tutti i giorni si sporca le mani dipingendo scene sovradimensionate per il teatro alla Scala di Milano, nella sua seconda vita trova rifugio nell’inchiostro nero e dà sfogo alla sua immaginazione in quelli che definisce piccoli “disegnetti”.
“Haikoodle”, “Scriverò finché avrò voce” e “Come farfalla” sono libri di poesie illustrate creati con lo slammer Simone Savogin.
Oltre a disegnare in viaggio e nella sua “cameretta” si diletta in spettacoli di live painting.

 

 

Martina Dirce Carcano (Milan, 1992)

is a stage designer and illustrator. In her everyday life she paints huge scenes for Milan’s Opera House Teatro ala Scala, in her second life she finds a safe place in black ink and she frees her imagination in what she calls little “cute drawings”.
“Haikoodle”, “Scriverò finché avrò voce” and “Come farfalla” are books of illustrated poetry created with Simone Savogin, an italian slam poet.
In addition to her sketching while traveling or in her room, she enjoys painting in live performances.

X